Tag: Ucs Cei

Il cammino è anche digitale

14 Ottobre 2021 - Roma - Il Cammino sinodale delle Chiese che sono in Italia ha anche un ambiente digitale. È on line il sito www.camminosinodale.net che accompagnerà l’intero percorso, articolato in tre fasi – narrativa, sapienziale e profetica – dal 2021 al 2025. L’immagine della testata esprime il senso del progetto: le cattedrali delle diocesi italiane sono unite graficamente a formare un’unica cupola, su di esse si snoda una strada tracciata da tanti volti. Il rimando è al Concilio Vaticano II e, in modo particolare, alla Costituzione Gaudium et Spes: “Le gioie e le speranze, le tristezze e le angosce degli uomini d’oggi, dei poveri soprattutto e di tutti coloro che soffrono, sono pure le gioie e le speranze, le tristezze e le angosce dei discepoli di Cristo, e nulla Vi è di genuinamente umano che non trovi eco nel loro cuore” (n.1). Il sito offrirà nel tempo tutti gli strumenti testuali e video per l’animazione sul territorio e, allo stesso tempo, cercherà di puntare a uno stile di comunicazione integrato, integrale e inclusivo. Integrato, perché la visione ecclesiale non continui a essere letta e interpretata in settori distinti; integrale, perché si è parte di una grande comunità; inclusivo, perché nessuno deve essere escluso dalle comunità. Nella memoria di quanto vissuto fino ad oggi – e la tabella al centro del sito lo rappresenta efficacemente – si dipana l’orizzonte futuro. (Vincenzo Corrado)

Uniti nel dono

9 Settembre 2021 - Roma - Da qualche giorno è on line il nuovo sito (www.unitineldono.it) per promuovere le offerte per il sostentamento dei sacerdoti. Il nuovo look, che interessa anche la rivista “Sovvenire”, è ben più di un semplice cambio d’abito. Quando si cambia, infatti, il rischio è sempre quello di restare a un livello superficiale, senza incidere sulla sostanza. Per questo, si è cercato di rinnovare le forme e il linguaggio della presenza in rete senza tradire il messaggio, la sostanza, il cuore. In una parola, l’identità. Che è sempre bene espressa nella parola “sovvenire”, ora impreziosita da “uniti nel dono”. È un impegno concreto anche per chi si occupa di comunicazione a vivere questo senso di legame, che travalica i confini geografici e che si fa, appunto, dono nel raccontare storie, nel testimoniare la bellezza del sentirsi parte di una grande famiglia, condividendo la ricchezza e la creatività dei territori. (Vincenzo Corrado)   Vincenzo  

Tutelare la stampa per servire la verità

2 Settembre 2021 - Roma - Ai bordi della cronaca ci sono tracce di umanità. La certezza si fonda nei tanti orizzonti aperti da gesti, sguardi e parole che comunicano speranza. Dinanzi alla recrudescenza di odio che sta pervadendo il contesto internazionale, ci sono strade di solidarietà che continuano a essere percorse da tanti samaritani che non volgono lo sguardo altrove. È una testimonianza di vita che interessa anche il mondo della comunicazione. Lo ha ricordato efficacemente la Presidenza della Cei esprimendo vicinanza a tutti i giornalisti minacciati e sotto scorta, soggetti a intimidazioni e attacchi anche sui social. Chissà cosa direbbe oggi Ed Hutcheson (Humphrey Bogart) alla fine del film L’ultima minaccia (1952). Quella famosa formula “È la stampa, bellezza! E tu non puoi farci niente! Niente!”, forse, diventerebbe un invito a prendere coscienza delle tante contraddizioni di questo tempo: facciamo qualcosa perché la stampa sia tutelata per servire la verità. (Vincenzo Corrado)

Narrazioni

29 Luglio 2021 - Roma - C’è un bisogno diffuso di raccontare, di narrare la propria quotidianità, le proprie esperienze, i propri sentimenti. È un’esigenza primaria dell’essere umano: quella propensione ad aprirsi agli altri in una comunicazione autentica, vera. Ciò avviene con parole, immagini, video, emoticon o faccine… Non sempre questa esigenza avviene per esibizionismo, il più delle volte esprime proprio quell’impulso interiore alla condivisione, cioè al dividere-con gli altri il proprio vissuto. Per questo, in ascolto dei territori, abbiamo pensato, come Ufficio Nazionale CEI per le Comunicazioni Sociali, di dedicare il prossimo anno pastorale – a partire da settembre – al tema Narrazioni, in cui sottolinea proprio il “di più” d’impegno, di visione, ma anche di formazione. Ci guideranno le parole di Papa Francesco: “Nella confusione delle voci e dei messaggi che ci circondano, abbiamo bisogno di una narrazione umana, che ci parli di noi e del bello che ci abita. Una narrazione che sappia guardare il mondo e gli eventi con tenerezza; che racconti il nostro essere parte di un tessuto vivo; che riveli l’intreccio dei fili coi quali siamo collegati gli uni agli altri”. (Vincenzo Corrado)    

Un nuovo “stile”

14 Luglio 2021 - Roma - “Comunicare una comunità in cammino”. Il tema dell’Incontro, promosso dall’Ufficio nazionale Cei per le Comunicazioni Sociali in questi giorni, è anche richiesta di un nuovo “stile” comunicativo. Il termine “stile” è molto intrigante. Deriva dal latino stilus, cioè il bastoncino con cui s’incidevano le lettere dell’alfabeto sulle tavolette cerate. La derivazione, come spesso accade, indica un percorso con cui guardare e maneggiare il bastoncino per progettare una comunicazione autentica ed efficace, in un ambiente in continua evoluzione, capace di narrare la comunità che cammina nella storia. Con due premesse: la comunicazione non è qualcosa di strumentale o accessorio, ma è parte costitutiva e originale dell’esistenza. In secondo luogo: occorre un impegno concreto per superare la frammentarietà e fare sintesi. Con la sollecitudine del cuore, con i giusti tempi del silenzio, con la ricchezza e la profondità della parola. (Vincenzo Corrado)

Tessitori del “Noi ecclesiale”

28 Maggio 2021 - Roma - “La sfida resta quella di costruire percorsi che diano voce alle specificità delle comunità del Paese all’interno di un più ampio Noi ecclesiale: in quest’ottica, appare evidente che la sinodalità debba essere considerata non in prospettiva sociologica, ma nella sua dimensione spirituale: ancora prima delle scelte procedurali, essa ha a che fare con la conversione ecclesiale, a cui richiama costantemente il Papa”. Questo passaggio del comunicato finale della 74ª Assemblea Generale della Conferenza Episcopale Italiana restituisce il significato profondo del “cammino sinodale” avviato. Quel “Noi ecclesiale” è inclusivo e non esclusivo, nel senso che non disegna appartenenze segmentate ma riporta al centro dell’essenza stessa della Chiesa. La comunicazione, in questo senso, aiuta a tessere i fili delle comunità, intrecciandoli e annodandoli con creatività. (Vincenzo Corrado)

Stupirsi ancora, sempre, insieme

1 Aprile 2021 - Roma - “Lo stupore è diverso dall’ammirazione. L’ammirazione può essere mondana, perché ricerca i propri gusti e le proprie attese; lo stupore, invece, rimane aperto all’altro, alla sua novità”. In questo pensiero tratto dall’omelia di papa Francesco per la celebrazione della Domenica delle Palme l’augurio con cui vivere i prossimi giorni che conducono alla Pasqua. Comunicare la bellezza e la fatica dello stupore è l’unica medicina al virus dell’autoreferenzialità. Lo stupore riconnette la comunicazione, valore umano, sociale e culturale in cui ogni parola, gesto e pensiero costruisce e custodisce. Lo stupore ispiri e sostenga l’esperienza e il vissuto di tutti gli operatori della comunicazione. Allora la fiducia di chi ascolta o legge non sarà fine a sé stessa, ma aprirà percorsi per costruire comunità. Buona Pasqua! (Vincenzo Corrado)

Rispondere “bene” all’odio online

18 Marzo 2021 - Roma – Quali sono le possibili risposte per contrastare l’hate speech, il linguaggio d’odio online, oggi sempre più diffuso e pericoloso? Molto spesso si parla di contro-narrazione, in cui quel contro non indica ostilità o contrasto, ma rifiuto di ogni forma di disprezzo verso l’altro. È qui che si gioca la progettazione di una possibile “rinascita comunicativa”. Tra le proposte di formazione promosse dall’Ufficio nazionale segnaliamo il webinar “Discorsi d’odio online. Le risposte”, che si terrà venerdì 26 marzo (ore 16.00-18.00; Piattaforma Cisco Webex). L’incontro è organizzato dall’Osservatorio sull’odio online MEDIAVOX dell’Università Cattolica del Sacro Cuore e aperto agli operatori della comunicazione, agli studenti, ai membri delle associazioni ecclesiali che si occupano dei social media. Comunicare e informare bene, rispettando l’etica e la deontologia, è il primo passo da compiere. (Vincenzo Corrado)

Il diritto di esserci, con impegno e progettualità  

11 Febbraio 2021 - Roma - “La Chiesa ha il diritto di usare i mezzi di comunicazione sociale per il suo ministero”. In un colloquio di circa dieci anni fa, padre Franz-Josef Eilers, teologo, autore di numerosi studi sulla comunicazione, sintetizzava in questi termini una delle acquisizioni del Concilio Vaticano II per “un rapporto più positivo verso la comunicazione da parte della Chiesa”. Padre Eilers è morto lo scorso 13 gennaio in Asia (a Manila) dove ha contribuito in modo ricco al ministero della comunicazione della Chiesa. Mi sono tornate in mente le sue parole in questi giorni, in cui ricordiamo i 90 anni di Radio Vaticana (12 febbraio) e mentre abbiamo appena vissuto il Safer Internet Day (9 febbraio). Due tasselli che compongono un bel mosaico comunicativo, fatto d’impegno e progettualità. La voce portata dalla Radio fino ai confini del mondo risuona oggi con vibrazioni rinnovate anche nel continente digitale. Una presenza che, guardando alla storia, diventa prospettiva educativa. (Vincenzo Corrado)

Natale è la festa dell’incontro 

24 Dicembre 2020 -

"Se mille volte nascesse Cristo a Betlemme, ma non in te, sei perduto per sempre" (Angelo Silesio)

Le parole del mistico tedesco Angelo Silesio ricordano il grande mistero del Natale: Dio fatto uomo, Dio in mezzo a noi! Dio Dentro di noi! Non c’è prospettiva migliore del proprio cuore per vivere Betlemme. Non in una forma di chiusura o d’isolamento, ma di apertura totale. Natale è la festa dell’incontro, dell’accoglienza dell’altro, della relazione autentica. Nascendo in noi, Cristo cambia la storia. Auguri di Buon Natale! (Vincenzo Corrado)