Tag: Ucs Cei

Chinati ad ascoltare i sussurri

7 Aprile 2022 Roma - Elogio di quanti ascoltano i sussurri! In un momento di grande turbamento internazionale, l’attenzione cade proprio su una parola evocativa e, allo stesso tempo, impegnativa. Sussurro, appunto. Il suo significato – mormorio, rumore lieve e prolungato o voce sola, sommessa e indistinta – aiuta a capire quanto sia difficile l’arte dell’ascolto. E, soprattutto, quanto sia impegnativo cogliere le voci spezzate, le lacrime versate, i silenzi, tutto ciò che si spegne in sussurri. È qui che si dispiega l’impegno concreto per i giornalisti e gli operatori della comunicazione. Da questa capacità, che dovrebbe essere intrinseca nella professione, emergono racconti, testimonianze, narrazioni. Grazie, dunque, a quanti stanno permettendo di non volgere l’orecchio altrove, ma di indirizzarlo nel verso giusto per non distrarsi dalla sofferenza altrui. (Vincenzo Corrado)  

Rammendare le lacerazioni, ascoltare le angosce

30 Marzo 2022 - Roma - Siamo alla vigilia della fine dello stato di emergenza Covid-19. È sicuramente un momento atteso, che segna un passaggio fondamentale verso la ripresa della vita sociale e non solo. Prudenza, responsabilità, attenzione, accortezza… gli atteggiamenti che hanno scandito le giornate di questi due anni non perdono di colpo la loro efficacia e attualità, anzi rimangono compagni di viaggio per un futuro rinnovato. Le lacerazioni che la pandemia lascia in consegna chiedono un impegno concreto a tutta la società. Anche ai giornalisti e agli operatori della comunicazione. Quel senso di paura e di ansia diffuso, ora dilatato in una dimensione internazionale per il conflitto in corso, chiede di essere ascoltato e finalmente colmato. Non ci sono ricette pronte. C’è invece una chiamata ben precisa: “Ascoltare con l’orecchio del cuore”. (Vincenzo Corrado)

Il dolore dell’umanità, le braccia dell’accoglienza

9 Marzo 2022 - Roma - La forza di alcune immagini vale più di ogni parola spesa per esprimere emozioni, sentimenti o concetti. Ha fatto il giro del mondo la foto del Cristo Salvatore della cattedrale armena di Leopoli, rimosso e portato in un bunker, al sicuro dagli attacchi militari. In quel Volto sofferente del Cristo è impresso il grido di dolore di quanti stanno soffrendo per il conflitto in atto e per ogni sopruso all’umanità. Le mani che, con cura, mettono al riparo la statua, sembrano esprimere la tensione verso l’accoglienza e la pacificazione. Uno scatto può sostenere pensieri e riflessioni altre che spiegano il senso vero dell’ascolto. È quell’“ascoltare con l’orecchio del cuore” di cui parla papa Francesco nel messaggio per la 56ª Giornata mondiale delle comunicazioni sociali. (Vincenzo Corrado)

Comunicare l’uomo, comunicare l’umanità

3 Marzo 2022 - Roma - “Essere per l’uomo è comunicare. Essere è essere in comunicazione. Senza il tu non esiste nemmeno l’io”. Questo antico adagio, appreso dalla scuola dei settimanali diocesani, orienta il senso di queste tristi giornate per la guerra in Ucraina e suona come un ringraziamento ai tanti giornalisti e operatori della comunicazione impegnati in una narrazione altra. La comunicazione e l’informazione diventano ponte di comprensione, di conoscenza, ma soprattutto di reciprocità umana e di empatia. Sono le storie che trafiggono l’animo di chi le ascolta e diventano tracciato di racconti che uniscono. In un’informazione caratterizzata da pacchetti di dati e algoritmi, oggi esprimiamo gratitudine a quanti riescono a fare sentire al mondo il grido di dolore e – auspichiamo – la luce della speranza. (Vincenzo Corrado)

La comunicazione: relazione reciproca

20 Gennaio 2022 - Roma - La comunicazione non è unicamente trasmissione di notizie o di informazioni. La visione meccanicistica stimolo-risposta è riduttiva e, per molti versi, fuorviante. La Chiesa è comunicazione perché nasce da una Parola, così come l’umanità. Per questo è molto importante ravvivare con le relazioni una buona comunicazione. Uno stimolo in più viene dal tema scelto da Papa Francesco per la 56ª Giornata mondiale delle comunicazioni sociali: Ascoltate! Occorre partire da qui per una comunicazione che sappia creare ponti, con fondamenta ben salde nella storia e piattaforme lanciate verso il futuro. (Vincenzo Corrado)

L’importanza delle parole

9 Dicembre 2021 - Roma - Arrivati agli ultimi giorni dell’anno è partita la consueta analisi e classificazione delle parole maggiormente utilizzate durante il 2021. Le espressioni che hanno scandito i dodici mesi non solo fotografano la vita sociale di un determinato contesto, evocando vicende e stili di vita, ma disegnano anche una sorta di abbecedario della memoria collettiva. In questo senso, sarebbe bello se il lemma che racchiude l’intero anno che sta per finire - e fosse di augurio a quello che inizierà - fosse proprio PAROLA. Una sintesi perfetta per invocare un’attenzione maggiore nell’esprimersi, per evitare un uso sproporzionato di vocaboli che, più che creare ponti, generano profonde ferite. Ma soprattutto è memoria forte di un principio basilare: non servono tante parole, ma le giuste parole. (Vincenzo Corrado)

Il cammino è anche digitale

14 Ottobre 2021 - Roma - Il Cammino sinodale delle Chiese che sono in Italia ha anche un ambiente digitale. È on line il sito www.camminosinodale.net che accompagnerà l’intero percorso, articolato in tre fasi – narrativa, sapienziale e profetica – dal 2021 al 2025. L’immagine della testata esprime il senso del progetto: le cattedrali delle diocesi italiane sono unite graficamente a formare un’unica cupola, su di esse si snoda una strada tracciata da tanti volti. Il rimando è al Concilio Vaticano II e, in modo particolare, alla Costituzione Gaudium et Spes: “Le gioie e le speranze, le tristezze e le angosce degli uomini d’oggi, dei poveri soprattutto e di tutti coloro che soffrono, sono pure le gioie e le speranze, le tristezze e le angosce dei discepoli di Cristo, e nulla Vi è di genuinamente umano che non trovi eco nel loro cuore” (n.1). Il sito offrirà nel tempo tutti gli strumenti testuali e video per l’animazione sul territorio e, allo stesso tempo, cercherà di puntare a uno stile di comunicazione integrato, integrale e inclusivo. Integrato, perché la visione ecclesiale non continui a essere letta e interpretata in settori distinti; integrale, perché si è parte di una grande comunità; inclusivo, perché nessuno deve essere escluso dalle comunità. Nella memoria di quanto vissuto fino ad oggi – e la tabella al centro del sito lo rappresenta efficacemente – si dipana l’orizzonte futuro. (Vincenzo Corrado)

Uniti nel dono

9 Settembre 2021 - Roma - Da qualche giorno è on line il nuovo sito (www.unitineldono.it) per promuovere le offerte per il sostentamento dei sacerdoti. Il nuovo look, che interessa anche la rivista “Sovvenire”, è ben più di un semplice cambio d’abito. Quando si cambia, infatti, il rischio è sempre quello di restare a un livello superficiale, senza incidere sulla sostanza. Per questo, si è cercato di rinnovare le forme e il linguaggio della presenza in rete senza tradire il messaggio, la sostanza, il cuore. In una parola, l’identità. Che è sempre bene espressa nella parola “sovvenire”, ora impreziosita da “uniti nel dono”. È un impegno concreto anche per chi si occupa di comunicazione a vivere questo senso di legame, che travalica i confini geografici e che si fa, appunto, dono nel raccontare storie, nel testimoniare la bellezza del sentirsi parte di una grande famiglia, condividendo la ricchezza e la creatività dei territori. (Vincenzo Corrado)   Vincenzo  

Tutelare la stampa per servire la verità

2 Settembre 2021 - Roma - Ai bordi della cronaca ci sono tracce di umanità. La certezza si fonda nei tanti orizzonti aperti da gesti, sguardi e parole che comunicano speranza. Dinanzi alla recrudescenza di odio che sta pervadendo il contesto internazionale, ci sono strade di solidarietà che continuano a essere percorse da tanti samaritani che non volgono lo sguardo altrove. È una testimonianza di vita che interessa anche il mondo della comunicazione. Lo ha ricordato efficacemente la Presidenza della Cei esprimendo vicinanza a tutti i giornalisti minacciati e sotto scorta, soggetti a intimidazioni e attacchi anche sui social. Chissà cosa direbbe oggi Ed Hutcheson (Humphrey Bogart) alla fine del film L’ultima minaccia (1952). Quella famosa formula “È la stampa, bellezza! E tu non puoi farci niente! Niente!”, forse, diventerebbe un invito a prendere coscienza delle tante contraddizioni di questo tempo: facciamo qualcosa perché la stampa sia tutelata per servire la verità. (Vincenzo Corrado)

Narrazioni

29 Luglio 2021 - Roma - C’è un bisogno diffuso di raccontare, di narrare la propria quotidianità, le proprie esperienze, i propri sentimenti. È un’esigenza primaria dell’essere umano: quella propensione ad aprirsi agli altri in una comunicazione autentica, vera. Ciò avviene con parole, immagini, video, emoticon o faccine… Non sempre questa esigenza avviene per esibizionismo, il più delle volte esprime proprio quell’impulso interiore alla condivisione, cioè al dividere-con gli altri il proprio vissuto. Per questo, in ascolto dei territori, abbiamo pensato, come Ufficio Nazionale CEI per le Comunicazioni Sociali, di dedicare il prossimo anno pastorale – a partire da settembre – al tema Narrazioni, in cui sottolinea proprio il “di più” d’impegno, di visione, ma anche di formazione. Ci guideranno le parole di Papa Francesco: “Nella confusione delle voci e dei messaggi che ci circondano, abbiamo bisogno di una narrazione umana, che ci parli di noi e del bello che ci abita. Una narrazione che sappia guardare il mondo e gli eventi con tenerezza; che racconti il nostro essere parte di un tessuto vivo; che riveli l’intreccio dei fili coi quali siamo collegati gli uni agli altri”. (Vincenzo Corrado)