Tag: Vangelo Migrante

Vangelo Migrante: III Domenica del Tempo Ordinario (Vangelo Lc 1,1-4; 4,14-21)

20 Gennaio 2022 - Con la Lettera apostolica ‘Aperuit illis’ (2019), Papa Francesco stabilisce che la III Domenica del Tempo ordinario sia dedicata alla celebrazione, riflessione e divulgazione della Parola di Dio. La Parola di Dio è ordinariamente al centro della vita della comunità. Dall’ascolto nasce l’appartenenza a Dio; ma a volte si ha l’impressione che la Bibbia sia solo materia per esperti… In continuità con i ‘nuovi sguardi’ che papa Francesco sta offrendo nel suo magistero sull’evangelizzazione e sulla liturgia, anche sulla Bibbia egli accende una dimensione ‘popolare’ perchè tutti si riapproprino della sacra Scrittura, come Parola personale e comunitaria che Dio vuole offrire al suo popolo. Il brano del Vangelo che proclameremo in questa domenica, ci situa bene in questa dimensione. Si tratta dell’incipit della vita pubblica di Gesù, subito dopo i vangeli dell’infanzia, preceduto dal ‘prologo’ del Vangelo di Luca. L’evangelista si presenta come uno che ha fatto ricerche accurate (akribòs) perché vuole che i cristiani si rendano conto “della solidità degli insegnamenti” ricevuti e prendano atto di come la vita di Gesù abbia un’importanza decisiva per la storia di tutti gli uomini. Quindi riporta il ‘manifesto’ di Gesù, che si intesta le parole del profeta Isaia: “Lo Spirito del Signore è sopra di me…”. Nella Sinagoga a Nazareth, dove era cresciuto, quel sabato, Gesù proclama che Lui opera con la potenza di Dio. La Sua non sarà un’opera umana, meno che mai politica, ma la rivelazione del progetto di Dio che “è venuto a cercare e a salvare ciò che era perduto”. Il tempo nuovo non ha più per protagonista l’uomo, ma ‘Dio fatto uomo’. A Nazareth ci rivelato come a salvare l’umanità non saranno gli ordinamenti umani, i sistemi di governo o i compromessi ma lo Spirito del Signore. Non è una nota di pessimismo sulle capacità umane, purtroppo fin troppo documentate dalla storia; ma è la speranza certa che ci assicura che lo Spirito è su Gesù e, quindi, su tutti quelli che fanno comunione con Lui. Tutto questo riguarda l’oggi: “oggi si è adempiuta questa Scrittura che voi avete ascoltato”. L’oggi storico di Gesù diventa, per la forza dello Spirito, l’oggi liturgico della Chiesa, il nostro di ogni Messa. La predica di Nazareth diventa, oggi, storia nostra. Se ascoltiamo! (p. Gaetano Saracino)

Vangelo Migrante: II Domenica del Tempo Ordinario (Vangelo Gv 2,1-11)

13 Gennaio 2022 -   Il Vangelo di Cana coglie Gesù nelle trame festose di un pranzo nuziale, in mezzo alla gente. Canta, ride, balla, mangia e beve, lontano da un presunto ascetismo. Dio non è il concorrente della gioia delle sue creature, del vitale e semplice piacere di esistere e di amare: Cana è il suo atto di fede nell’amore umano. È il creatore dell’amore. Lo benedice e lo sostiene al punto di farne il caposaldo, il luogo originario e privilegiato della sua evangelizzazione: “questo, a Cana di Galilea, fu l’inizio dei segni compiuti da Gesù”. Anche Maria partecipa alla festa e ‘guarda’ ciò che accade attorno a lei. Il suo osservare attento e discreto le permette di vedere ciò che nessuno vede e cioè che il vino è terminato: “Non hanno più vino”. Punto di svolta del racconto. Non è il pane che viene a mancare, alimento necessario alla vita, ma il vino, alimento di complemento e non indispensabile, … ma non nel bel mezzo di una festa! “Non è ancora giunta la mia ora”, dice Gesù. Maria non chiede uno ‘spreco di potenza’ ma chiede a Dio che suo Figlio anticipi ‘l’ora’ che il Padre gli ha consegnato nel tempo della sua venuta in mezzo agli uomini. ‘Quell’ora’, è il momento cruciale del Calvario, anzitutto; la cruna dell’ago attraverso la quale deve passare per rivoltare tutta quanta la storia, di tutti gli uomini e di tutti i tempi. L’umanissimo miracolo di Cana è un miracolo della fede di Maria che apre gli estremi di ‘quell’ora’ estendendola da quel banchetto fino alla croce. Un’estensione che abbraccia tutti gli uomini, in ogni istante della vita: nella gioia e nel dolore, nella salute e nella malattia. Cana inaugura il tempo della missione pubblica di Gesù e, nei segni e nei miracoli, si rivelerà come ‘l’ora della gloria di Dio e della Salvezza per gli uomini’. Non una serie di episodi e circostanze ireniche e moralmente edificanti ma appuntamenti puntuali e risolutivi. Proprio come a Cana, dove “egli manifestò la Sua gloria e i discepoli credettero in Lui”. (p. Gaetano Saracino)  
  1. Gaetano SARACINO

Vangelo Migrante: Battesimo del Signore (Vangelo Lc 3,15-16; 21-22)

5 Gennaio 2022 - Il Battesimo di Gesù, così come riferito dall’evangelista Luca, sembra un fatto che riguarda solo Lui. Una sua esperienza personale. Non si descrive nessun episodio ma si dice solo che “quando tutto il popolo fu battezzato e mentre Gesù, ricevuto anche lui il battesimo, stava in preghiera (…) vi fu una voce dal cielo: tu sei il mio figlio l’amato, in te ho posto il mio compiacimento”. Quel fatto, in verità, non è un resoconto privato tra Padre e Figlio ma riguarda tutti. L’evangelista, poco prima, aveva detto che c’era un popolo in attesa tanto da chiedersi se Giovanni il Battista non fosse proprio lui il Messia, l’atteso. In fondo uno come lui, quadrava con gli schemi umani: persona seria, esigente, che sa richiamare le coscienze. Giovanni chiarisce che lui è solo acqua ma il cuore umano deve essere introdotto in un qualcosa che è più di un’aspettativa. Cos’è questo di più? La relazione filiale tra Dio e quel Figlio e, attraverso di Lui, con tutti gli uomini: “tu sei l’amato (…) il mio compiacimento”. Dio non ha una gioia astratta ma è un Padre felice di essere Padre. Ha una gioia destinata al cuore umano. Il cuore dell’uomo che si aspetta un rimprovero è superato dalla rivelazione della paternità di Dio. Il tema del battesimo di Gesù è il nostro battesimo. In esso siamo introdotti nella dimensione filiale e lo Spirito Santo viene su di noi come vera e propria certificazione interiore che Dio è nostro Padre. Dubitare della paternità di Dio è ciò che di più grave può capitare all’uomo. Ritrovarsi figli di Dio è l’uscita da quello stato di distruzione. Essere amati è il fondamento della nostra capacità di amare. Trovarci accolti ci rende aperti all’accoglienza. Il cuore dell’annuncio del Vangelo è proprio questo: passare dalla convinzione di un Dio estraneo, e a volte ostile, alla scoperta che Dio è Padre e ‘a priori’ sta al nostro fianco. “In te ho posto il mio compiacimento” è una parola per noi. Ci dice la nostra verità più autentica. Accogliere questa rivelazione fa sì che quello che sappiamo di noi, figli amati, possiamo saperlo anche del nostro prossimo. (p. Gaetano Saracino)  

Vangelo Migrante: II domenica dopo Natale (Vangelo Gv 1, 1-18)

30 Dicembre 2021 - Un brano di Vangelo che toglie il fiato, impedisce piccoli pensieri e spalanca le porte dell’infinito e dell’eterno. Così inizia il Vangelo di Giovanni: non il racconto di un episodio ma un volo che proietta Gesù di Nazareth verso i confini dello spazio e del tempo. “In principio era il Verbo... e il Verbo era Dio”. Quel ‘principio’ non coincide solo con la prima parola della Bibbia. Quel ‘principio’ è l’origine di ogni cosa, il suo senso profondo, la sua anima. Tutto quello che esiste in noi e attorno a noi, è stato fatto per mezzo di Lui e niente si è fatto da sé. “In lui era la vita”. Il Verbo di Dio non è venuto a portare un sistema di pensiero o una nuova teoria religiosa, ma ci ha comunicato vita ed ha acceso in noi il desiderio di una vita più grande: “Sono venuto perché abbiano la vita, e l'abbiano in abbondanza” (Gv 10,10). “E la vita era la luce degli uomini”. La vita è una grande parabola imbevuta della luce di Dio. Una parabola che ci insegna come perfino nelle pozzanghere dell’esistenza possiamo scorgere il riflesso del cielo di Dio e nei germogli o nelle piccole cose intuire le cose ultime. “E il Verbo di fece carne e venne ad abitare in mezzo a noi”. ‘In principio’, ‘tutto’, ‘nulla’, ‘Dio’, sono parole assolute, senza limiti ma non astratte. Ci mettono in rapporto con la totalità e con l’eternità, con Dio e con tutte le creature del cosmo. Ma è accogliendo Gesù venuto in terra e riconoscendolo Figlio di Dio che, da semplici creature, si diventa addirittura Figli a nostra volta. Mai inadeguati, mai sbagliati: preziosi ai suoi occhi! Se tutta la vita è imbevuta della luce di Dio, in Gesù l’umanità è abitata stabilmente da Dio. Attentare all’umanità significa volersi disfare di Dio; presumere di cancellare Dio, significa distruggere ogni forma di vita. Per questo il primo compito di ogni uomo è accogliere l’umanità, proteggerla, promuoverla e integrarla. Ovunque. “Dio nessuno lo ha mai visto: proprio il figlio unigenito che è nel seno del Padre, lui lo ha rivelato”. (P. Gaetano Saracino)

Vangelo Migrante: Natale del Signore (Vangeli Mt 1,1-25; Lc 2,1-14; Lc 2,15-20; Gv 1,1-18)

21 Dicembre 2021 -   Per la celebrazione liturgica del mistero del Natale del Signore, vengono offerti quattro brani di Vangelo: per la messa vespertina nella Vigilia, che fa già parte pienamente della festa, per la Notte Santa, l’Aurora e il Giorno. Ciascuno di essi introduce alla meditazione di un aspetto particolare del mistero che celebriamo, quasi una progressione di rivelazione da parte di Dio e di comprensione da parte dell’uomo: il Verbo che si cala nella storia dell’umanità; la rivelazione che “oggi è nato il Salvatore”; l’adorazione dei pastori al sorgere del sole, e anche la nostra, di quel bambino accolto nell’intimità di una famiglia; l’annuncio che quel bambino è la “luce vera che illumina ogni uomo”, come solennemente riportato nel prologo del Vangelo di Giovanni! Una rivelazione che rischia di essere oscurata dalle tante nubi addensate sopra questa umanità. Ma nulla è impossibile a Dio. Anche per noi vale quel segno indicato dagli angeli ai pastori: “troverete un bambino avvolto in fasce, adagiato …” Per noi, un segno per nulla distante ma, sempre più spesso, un fatto drammaticamente vero e visibile a tutti. Dio che si fa uomo è lì. È carne viva nel bambino Gesù. Dubitare o tergiversare su quel che si vede non è solo fare un torto alla verità ma è farsi vincere dalla paura e, per paura, perdersi anche i significati di quel segno: l’amore e la gioia. Un amore che accoglie, una gioia che condivide. Cose volute, create, pensate, progettate da Dio stesso, che danno significato ad ogni cosa e rendono perfettamente funzionante ed efficace tutto il movimento della vita in ogni dimensione dell’esistente. Per noi sono incarnate in Gesù. Non c’è posto per paure e astrazioni. Questo spiega l’invocazione incessante della Chiesa: Ma-ra-na-thà! Vieni Signore! (p. Gaetano Saracino)

Vangelo Migrante: IV domenica di Avvento (Vangelo (Lc 1, 39-45)

16 Dicembre 2021 - Laddove si riesce ancora a guardare il mondo con occhio intriso di umanità, ci si accorge che non c’è immagine più evocativa di quella di una donna in attesa. In lei ciò che è pesante è alleggerito da una vita nuova che arriva e ciò che è impalpabile, ancorato ad una creatura fatta carne.  Il Vangelo di questa domenica ne mette di fronte due: Maria ed Elisabetta, sua cugina. Dio viene mediato dal loro incontro, convocato dai loro abbracci e dai loro affetti, come un familiare. Non esiste infinito quaggiù, lontano dalle relazioni umane. Dio arriva così. L’unica scena del Vangelo in cui sono protagoniste solo donne, èanche l’icona dei passi di Dio in mezzo agli uomini. Il primo passo è riflesso in Maria che entra nella casa e saluta Elisabetta. Entrare, varcare soglie, fare dei passi per andare incontro ad una persona. Non restare al di fuori, ad aspettare che qualcosa accada ma diventare protagonistiavvicinarsi, bussare, ricucire strappi e allontanamenti; presentarsi con un saluto, facendo viaggiare parole di pace: premessa essenziale perché un incontro ed una relazione siano fruttuose. Maria ripete ciò che l’angelo di Dio ha fatto con Lei. Il secondo passo è in Elisabetta che esclamaBenedetta tu fra le donneDire a qualcuno “sei benedetto” significa portare il cielonella sua vita, salutare Dio in lui, vederlo allopera, vedere il bene, la luce, con uno sguardo di stupore, senza rivalità, senza invidia. La felicità passa dal ‘dire bene’. Nel bene è l’immagine di quel Dio che “ha fatto bene ogni cosa!” Il terzo passo diventa un canto: lanima mia magnifica il Signore!”Maria ringrazia. È grata perché è amata. Segno che l’amore, quando accade, ha sempre il senso del miracolo: ha sentito Dio venire come un fremito nel grembo, come un abbraccio con l’anziana cugina, come la danza di gioia di un bimbo di sei mesi, e canta. La certezza della presenza di Dio è la gioia, la prova: il “mormorio di un vento leggero”. Il tempo sta per compiersi. Dio è vicino! Si fa uomo in Gesù. Batterà ancora le strade della relazione, quelle della premura ma anche quelle dell’accoglienza; illuminerà le Opere del Padre perché noi possiamo riconoscerle e ‘dire bene’; spalancherà gli orizzonti della gioia e della gratitudine proprie di un cuore già visitato e amato!

p. Gaetano SARACINO

Vangelo Migrante: III domenica di Avvento (Vangelo Lc 3, 10-18)

9 Dicembre 2021 - Le parole del profeta Sofonia nella prima lettura e un certo successo della predicazione di Giovanni Battista, introducono il tema di questa terza domenica di Avvento detta della gioia: ‘gaudete!’ Di che gioia si tratta? Il popolo avverte che è in arrivo un cambiamento ed ha la forma della “revoca di una condanna”, come annunciato dal profeta: “rallegrati figlia di Sion (…) il Signore ha revocato la tua condanna”; il cambiamento è, addirittura, una persona: “viene colui che è più grande di me a cui non sono degno di slegare i lacci dei sandali”, predica Giovanni. Un’aspettativa dinanzi alla quale molti chiedono al Battista: io che cosa posso fare? Lo chiedono le folle, i pubblicani e, persino, i soldati. La pagina di Vangelo si sofferma sulle risposte di Giovanni il Battista a ciascun gruppo e sull’annuncio delle qualità del Messia. Giovanni non dà risposte definitive: il suo è sempre un preparare, predisporre la strada a Colui che ha la risposta definitiva. Per questo, esorta le folle a praticare una giustizia distributiva: “chi ha due tuniche, ne dia a chi non ne ha, e chi ha da mangiare, faccia altrettanto”. Ai pubblicani raccomanda: “non esigete nulla di più di quanto vi è stato fissato”; e ai soldati: “non maltrattate e non estorcete niente a nessuno; accontentatevi delle vostre paghe”. Questa è la missione di Giovanni … e anche la nostra: annunciare e praticare una giustizia.  Non sono queste le cose che salvano (lo vediamo tutti i giorni) ma di sicuro sono queste le cose che preparano la Salvezza. E sono necessarie perché il Compimento di Dio possa realizzarsi. Giovanni porge il primo livello della conversione: interrompere il male. È decisivo, perché è da lì si costruisce il nuovo. Se pensiamo che per accogliere Dio occorre fare cose fantasmagoriche, ci sbagliamo. Quello che serve, invece, è interromperne alcune. E, spesso sono queste le cose che ci fanno soffrire di più perché all’apertura al nuovo, anche a quel che desideriamo, si oppone quello che temiamo di perdere. Il titolare della salvezza, arriverà e porterà pienezza di vita nuova, dice Giovanni, ma c’è un puntino che spetta a noi ed è l’inizio di quella venuta. Il movimento possibile, quello che io posso fare, lo devo fare. È su quello che vedremo fiorire l’impossibile che spetta a Dio. (p. Gaetano Saracino)  

Vangelo Migrante: II domenica di Avvento (Vangelo Lc 3, 1-6)

2 Dicembre 2021 - Un’introduzione solenne dà inizio al racconto dell’attività pubblica di Gesù. Un lungo elenco di re e sacerdoti traccia la mappa del potere politico e religioso dell’epoca; ma poi, improvvisamente, c’è una svolta. La Parola di Dio vola via dal tempio e dalle stanze del potere e raggiunge un giovane: Giovanni, figlio di Zaccaria, nel deserto. Non è lui che porta l’annuncio ma è la Parola di Dio che lo raggiunge, lo incalza e lo sospinge: “egli percorse tutta la regione del Giordano”. La Parola di Dio è sempre in volo in cerca di uomini e donne, semplici e veri, per creare inizi e processi nuovi. Parla di raddrizzare, appianare, colmare paesaggi aspri e difficili che sono senz’altro i tratti duri e violenti della storia: ogni violenza, ogni esclusione e ingiustizia sono un burrone da colmare; ma sono anche la nostra geografia interiore: una mappa di ferite mai guarite, di abbandoni patiti o inflitti, paure, solitudini, forme di anaffettività dilaganti... Anche se i potenti del mondo alzano barriere, cortine di bugie, muri ai confini, Dio trova la strada per raggiungere ognuno e posare la Sua mano sulla spalla ciascuno. Niente lo ferma. E allora: chi conta davvero nella storia? Erode, noto solo perché ha tentato di uccidere quel bambino? Pilato, passato alla storia perché l’ha condannato? No. Conta solo chi si lascia abitare dal sogno di Dio e dalla Sua Parola. L’ultimo appello della predicazione odierna di Giovanni è il vertice dell’Annuncio: “ogni uomo vedrà la salvezza di Dio”. Ogni uomo? Sì, proprio così. Dio vuole che tutti siano salvi, e non si fermerà davanti a burroni o montagne, neppure davanti alle tortuosità del nostro passato, ai cocci della nostra vita, tantomeno dinanzi alle diversità culturali e di provenienza degli uomini. Una delle frasi più impressionanti del Concilio Vaticano II, afferma: “ogni uomo che fa esperienza dell’amore, viene in contatto con il mistero di Cristo in un modo che noi non conosciamo” (Gaudium et spes 22). Cristo raggiunge tutti gli uomini, e l’amore è la sua strada. E nulla esiste di veramente umano che non raggiunga, a sua volta, il cuore di Dio. Buona cammino di Avvento, ancora! (p. Gaetano Saracino)

Vangelo Migrante: I domenica di Avvento (Vangelo Lc 21,25-28 e 34-36)

25 Novembre 2021 -  Con la prima domenica di Avvento ha inizio il nuovo anno liturgico. Il motivo dominante dell’Avvento non è il ricordo della nascita di Gesù ma l’invito ad accogliere la sua venuta nella nostra vita, oggi; e, quindi, a passare dal clima facile ed emotivo del Natale al coraggio di interrogarci sullo scopo ultimo della nostra vita: l’incontro con Lui. Incoraggiati da questa prospettiva ci dirigiamo sul Vangelo: “vi saranno segni nel sole, nella luna e nelle stelle, e sulla terra angoscia di popoli in ansia”, esordisce Gesù con un linguaggio apocalittico. Ci consola quello che segue: “vedranno il Figlio dell’uomo venire su una nube con grande potenza e gloria. Quando cominceranno ad accadere queste cose, risollevatevi e alzate il capo, perché la vostra liberazione è vicina”.  “Alzate il capo”, è la chiave. Quando sta accadendo qualcosa di difficile, è proprio quello il momento della liberazione perché può segnare un punto di rottura, può coincidere con un tornante che apre un nuovo orizzonte dove affiora la speranza. E tutto cambia. Gesù non ci lascia in balia degli eventi ma li pone in un cammino che è orientato verso un fine, uno scopo, una meta e che proviene da una promessa di bene, quella con cui tutti nasciamo. Si guardi ai bambini: hanno un bagaglio di positività e di apertura al bello e al buono che sono straordinari. Eppure molto del nostro tempo lo trascorriamo in bilico tra il sublime e il tragico, tra il meraviglioso e il deturpato. È un attimo: gli stessi fatti possono portare una persona alla crescita e un’altra all’implosione; una a vivere, l’altra morire. Gesù parla di postura. I fatti difficili esistono e sono lo spartitraffico; dalla postura dinanzi ad essi, dipende il nostro futuro: “state attenti a voi stessi, che i vostri cuori non si appesantiscano in dissipazioni, ubriachezze e affanni della vita”. Gli appesantimenti sono le zavorre che uccidono la vita perché rubano noi a noi stessi e ci rubano il reale alienandolo. Sicchè, quando arriva la tempesta questa ci abbatte. La vita è una chiamata a cose grandi e, come tutte le cose grandi, anche a sfide difficili. “Alzate il capo”: chi si apre alla sapienza di Dio comprende che è giunto il momento di crescere, assume una posizione tra la terra e il cielo e affronta la vita. Non è forza di volontà ma postura necessaria per vedere chi sta arrivando, per ascoltare qualcuno che sta parlando con noi, anche in quelle situazioni; proprio come accade in un momento di grazia, di gioia e di consolazione. Per fare Natale, occorre essere nel reale: lì arriva Dio e lì ci parla la Sua Provvidenza! Buon cammino di Avvento! (p. Gaetano Saracino)    

Vangelo Migrante: Solennità di Cristo Re dell’Universo (Vangelo Gv 18, 33-37)

18 Novembre 2021 - Il dialogo tra Pilato e Gesù introduce la Solennità di Cristo Re e conclude l’anno liturgico. In un contesto che non è quello della Settimana Santa è una pagina di vangelo che ci dice chi è Gesù e dove si fonda tutto il suo messaggio: “io sono re ma il mio regno non è di questo mondo”. Chi è Gesù? Agli occhi di Pilato è un possibile concorrente, un potere alternativo al potere dei romani. Agli occhi delle folle è il liberatore atteso ma, a quanto pare, non è capace di difendere nemmeno se stesso. Che razza di re è mai questo? Gesù lo chiarisce. Dinanzi a Pilato che gli chiede: “Sei tu il re dei Giudei?” Gesù cambia terreno e alza il tiro: “dici questo da te, oppure altri ti hanno parlato di me?”. Come a dire: “mi fai una domanda per la quale non ti interessa la vera-risposata-vera ma solo quello che potrebbe costare al tuo potere”. E alla domanda: “che hai fatto?” Prosegue dicendo: “il mio regno non è di questo mondo; (…) io sono re”. Non sono affermazioni enigmatiche. Vediamoci chiaro: nella storia dell’umanità non esiste un uomo che abbia lasciato il segno più di quel Nazareno poco più che trentenne. Al di là della fede in Lui, pertanto, non si può escludere in assoluto che uno che dice di essere re di un regno che non è di questo mondo, possa avere a che fare con questo mondo. Probabilmente inquieta il fatto che nel confronto con Pilato, Gesù destabilizza il potere umano e ne rivela le contraddizioni. Il potere di questo mondo presume di essere difesa, benessere, giustificazione dei sudditi; nei fatti è difeso dai sudditi, mantenuto con le risorse dei sudditi, acconsentito dai sudditi. Libertà o dominio? Le dichiarazioni di Gesù sono domande necessarie: Chi è veramente libero? Chi possiede tutto (ed è posseduto da tutto) o chi non possiede nulla? Chi fa fare agli altri quello che dice lui o chi sa amare tutti, anche chi gli ha procurato del male? Verità distanti anni luce dalla prassi terrena eppure esigenze, aneliti ineludibili che, prima o poi, fanno gridare: basta compromessi, basta agire per consolidare qualcosa, per convenzioni che non hanno più fondamenti, per far contento qualcuno! In quel Regno, Gesù e il suo messaggio coincidono: Gesù è libertà, in se stesso e per chiunque lo accoglie. Allora, quel Regno, per il solo fatto che esiste, interpella: l’amore di quell’uomo crocifisso, interroga sempre! (p. Gaetano Saracino)