Tag: Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato Rifugiato

GMMR: 40mila fedeli in piazza San Pietro

29 Settembre 2019 - Città del Vaticano – Erano 40mila, secondo la Gendarmeria Vaticana, i fedeli presenti oggi in Piazza San Pietro per la messa di papa Francesco e la recita dell’Angelus in occasione della 105/a Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato. Il dato è stato fornito dalla Sala stampa della Santa Sede.

Papa Francesco: una scultura in piazza San Pietro per ricordare a tutti la sfida evangelica dell’accoglienza

29 Settembre 2019 - Città del Vaticano - Con la celebrazione della liturgia eucaristica di questa mattina in Piazza San Pietro “abbiamo rinnovato l’attenzione della Chiesa per le diverse categorie di persone vulnerabili in movimento. In unione con i fedeli di tutte le Diocesi del mondo abbiamo celebrato la Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato, per riaffermare la necessità che nessuno rimanga escluso dalla società, che sia un cittadino residente da molto tempo o un nuovo arrivato”. Lo ha detto Papa Francesco durante la preghiera mariana dell’Angelus al termine della messa alla quale hanno partecipato italiani e stranieri su iniziativa della Conferenza Episcopale Italiana. Il papa per sottolineare “tale impegno”, inaugurerà tra poco la scultura che ha come tema queste parole della Lettera agli Ebrei: «Non dimenticate l’ospitalità; alcuni, praticandola, senza saperlo hanno accolto degli angeli» (13,2). “Tale scultura, in bronzo e argilla – ha spiegato - , raffigura un gruppo di migranti di varie culture e diversi periodi storici. Ho voluto questa opera artistica qui in Piazza San Pietro, affinché ricordi a tutti la sfida evangelica dell’accoglienza”. Papa Francesco ha anche ricordato che domani, lunedì 30 settembre, si aprirà in Camerun un incontro di dialogo nazionale per la ricerca di una soluzione alla “difficile crisi che da anni affligge il Paese. Sentendomi vicino alle sofferenze e alle speranze dell’amato popolo camerunese, invito tutti a pregare perché tale dialogo possa essere fruttuoso e condurre a soluzioni di pace giuste e durature, a beneficio di tutti”. (R.Iaria)

GMMR: un coro multietnico per la liturgia presieduta da Papa Francesco

29 Settembre 2019 - Città del Vaticano – A animare la liturgia eucaristica di questa mattina in Piazza San Pietro, presieduta da Papa Francesco per la Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato, sarà un coro multietnico composto da circa 150 membri. Ognuno dei componenti ha accettato questo impegno “nonostante il poco tempo a disposizione per i motivi più disparati: tutti lavorano, la maggior parte di loro ha famiglia e poi i tempi di percorrenza per raggiungere i diversi luoghi dove hanno provato”, ci dice la coordinatrice Antonella Mattei. Alcuni di loro vivono fuori Roma. In occasione della messa il coro indosserà delle polo di colori differenti. Cinque i colori scelti: blu, verde, rosso, giallo e bianco), i cinque colori del rosario missionario, che rappresentano i cinque continenti. Il colore delle maglie è stato assegnato casualmente a ciascuno “proprio perché è un po’ come essere tutti ‘cittadini del mondo’”. Le polo avranno anche delle scritte: “Non si tratta solo di migranti”, che riprende il messaggio di Papa Francesco per questa 105esima Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato e il nome del componente per ricordare che ogni essere umano è “una persona, con un nome, un volto e una dignità che vanno rispettate” e e il paese d’origine “perché ciascuno non deve mai dimenticare le proprie radici; ciascuno ha il compito di far scoprire all’altro quanto possono arricchirci le differenze di cultura e tradizioni”, aggiunge Mattei. (R.Iaria)

GMMR: alle 10,30 la celebrazione presieduta da Papa Francesco

29 Settembre 2019 - Città del Vaticano - E’ tutto pronto in piazza San Pietro per la celebrazione presieduta da Papa Francesco in occasione della Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato. Con il papa concelebreranno il card. Gualtiero Bassetti, presidente della Conferenza Episcopale Italiana, il card. Angelo De Donatis, Vicario del Pap per la Diocesi di Roma; il card. Peter Kodwo Appia Turkson, Prefetto del Dicastero per lo Sviluppo Umano ed Integrale e il presidente della Commissione Cei per le Migrazioni e dell’Assemblea Fondazione Migrantes, mons. Guerino Di Tora. La mitra e la croce pastorale utilizzata dal papa durante la celebrazione   E realizzata in legno ed è un dono ricevuto durante la sua visita a Palermo. Durante la celebrazione sarà usato l’incenso offerto dalla comunità etiopica. (R.I.)    

Migrantes Genova: Messa con il card. Bagnasco per la GMMR

29 Settembre 2019 - Genova - Santa Messa in Cattedrale San Lorenzo a Genova oggi pomeriggio alle 16,20 presieduta dal cardinale  Angelo Bagnasco in occasione della Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato che si celebra oggi.  Il tema del messaggio di Papa Francesco per quest'anno è: "non si tratta solo di migranti" . Il Papa, alla luce del Vangelo , ci ricorda che si tratta anzitutto delle nostre paure, della nostra capacità di accogliere, nel nostro saper trovare e aiutare l'ultimo nella nostra vita, dell'imparare a servire gli ultimi, del non fare differenza tra persone per il loro stato sociale o economico. “È vero non si tratta solo di migranti Ma in questi giorni e si sono l'emblema degli ultimi e dei poveri della terra”, sottolinea una novità dell’Ufficio Migrantes di Genova presieduto da mons. Giacomo Martino: “il Papa ci indica come negli ultimi e verso gli ultimi noi siamo capaci di dare il meglio di noi stessi. Sono gli ultimi che ci danno la chiave di interpretazione della nostra vita e ci fanno capire che le fortune che abbiamo vanno condivise con l'intera umanità sofferente”. Alla celebrazione parteciperanno tutti i residenti di Genova rappresentanti dei popoli della terra con i loro vestiti tradizionali e le bandiere delle loro Nazioni per “esaltare la bellezza della diversità che non è differenza”. Inoltre saranno presenti le massime autorità della città.

GMMR: le iniziative nella diocesi di Anagni-Alatri

28 Settembre 2019 - Anagni - Si celebrerà domani, domenica 29 settembre, la Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato, indetta da Papa Francesco per “esprimere la vicinanza ai migranti e rifugiati del mondo intero”. Come ogni anni, dal 1986, la Giornata è stata preceduta dalla diffusione del messaggio del Papa, il cui tema, per il 2019, abbraccia la complessità di ogni fenomeno di esclusione sociale che mina lo sviluppo integrale di tutta la famiglia umana. “Non si tratta solo di migranti” è il titolo scelto da Francesco per indicare come, “interessandoci e prendendoci cura di loro, ci interessiamo e cresciamo anche tutti noi”. Per celebrare questa Giornata, la Diocesi di Anagni-Alatri ha deciso di aprire le porte della Cattedrale a tutte le comunità “migranti” presenti sul territorio diocesano, al fine di dare un segnale concreto di accoglienza e permettere a tutti di conoscere un monumento così significativo del patrimonio culturale locale e nazionale. Le visite (gratuite) si svolgeranno per tutta la giornata di domenica 29, anche con una guida in lingua inglese o francese. Oggi e domani, invece, durante l’annuale Convegno diocesano che si terrà presso il Centro Pastorale di Fiuggi, sarà possibile incontrare l’Ufficio Migrantes, presente con uno stand dove poter reperire informazioni su attività e progetti. Infine, durante le celebrazioni eucaristiche di domenica 29, sarà possibile contribuire alla raccolta fondi in sostegno dei progetti socio-pastorali promossi dalla Fondazione Migrantes e dalla Conferenza Episcopale Italiana, nell’ambito del rafforzamento dei processi di accoglienza e integrazione nei territori diocesani. Le donazioni verranno raccolte in ogni Chiesa della diocesi. Per ulteriori info e contatti: migrantes@diocesianagnialatri.it, 0775728374

Mons. Di Tora: le migrazioni non solo la fine del mondo”

26 Settembre 2019 - Roma -  “Quante volte oggi definiamo gli altri solo per categorie: disagiati, senza casa, usurati, immigrati, malati di gioco, dipendenti da telefonino; quasi fossero solo dei numeri e non delle persone”. A denunciarlo, sulla scorta del Messaggio del Papa di quest’anno – dal titolo “Non si tratta solo di migranti” – è stato mons. Guerino Di Tora, presidente della Fondazione Migrantes e della Commissione episcopale per le migrazioni della Cei, che durante la conferenza stampa a chiusura del Consiglio permanente dei vescovi italiani ha ricordato l’imminente appuntamento della Giornata mondiale del migrante e del rifugiato, che si celebra domenica prossima, 29 settembre, e in occasione della quale il Papa presiederà una messa alle 10,30 in piazza San Pietro. “Il futuro è nelle nostre mani”, ha detto Di Tora: “l’altro, il povero, il rifugiato non è solo un problema, ma un essere umano, da accogliere per costruire una società mondiale più giusta. Le migrazioni non sono la fine del mondo, ma l’inizio di un mondo nuovo. Costruendo la città dell’uomo con un impegno integrale per ognuno e per tutti, realizziamo la città di Dio, luogo di incontro e di convivialità dell’umanità intera”. ​

Migrantes Catania: veglia di preghiera, quadrangolare di calcio e messa in cattedrale per la GMMR

24 Settembre 2019 - Catania - Domenica 29 settembre si celebrerà la Giornata mondiale del migrante e del rifugiato 2019. L’Ufficio Migrantes della diocesi di Catania, diretto dal diacono Giuseppe Cannizzo, propone una settimana di preghiera e appuntamenti che aiutino nella riflessione sul tema scelto quest'anno da Papa Francesco: “Non si tratta solo di migranti”. Domani, mercoledì 25 settembre, alle ore 20,00 nella chiesa Santa Maria Ogninella (pressi di Piazza Università), sarà celebrata la veglia di preghiera in memoria delle vittime del mare dei viaggi verso l’Europa. Appuntamento tradizionale che ogni anno rafforza il rapporto di fede e solidarietà con le comunità multietniche della città, in particolare con quelle cristiane di rito cattolico. La veglia, presieduta da mons. Salvatore Genchi, Vicario Generale, sarà animata anche dagli stessi migranti: srilankesi di lingua cingalesi e tamil, mauriziani, africani e polacchi uniti in un solo credo. Durante la veglia saranno letti brani estratti dal messaggio che Papa Francesco ogni anno dedica alla giornata: una riflessione che esprime la missione della Chiesa verso tutti gli abitanti delle periferie esistenziali, che devono essere accolti, protetti, promossi e integrati. Sabato 28 settembre, alle ore 18,00 al campo sportivo “XXXI Maggio”, finale di calcio del quadrangolare tra migranti e richiedenti asilo di Mauritius e  Gambia. Domenica 29 settembre, culmine della Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato, alle ore 17.15, in piazza Università, il raduno delle comunità multietniche in costume tradizionale e l’inizio della processione verso la Basilica Cattedrale, dove alle ore 18,00 sarà celebrata la messa presieduta da mons. Salvatore Gristina, arcivescovo di Catania e presidente della Conferenza Episcopale Siciliana. In serata, infine, alle ore 20,00 è previsto un momento di fraternità presso l’oratorio  San Filippo Neri.

Ventimiglia: le suore scalabriniane avviano il Servizio itinerante per i migranti

24 Settembre 2019 -
Ventimiglia - Tre mesi a Ventimiglia, al confine tra Francia e Italia, a sostenere i migranti. E’ questa la nuova sfida che oggi ha portato lì il Servizio itinerante delle suore missionarie scalabriniane. Fino al prossimo 20 dicembre, infatti, un gruppo di tre sorelle (una italiana, una filippina e una brasiliana) interverranno sul posto a sostegno dei progetti di aiuto e sostegno della Chiesa. L’iniziativa è nata in collaborazione con le diocesi di Ventimiglia-Sanremo e di Imperia, nella speciale coincidenza con la prossima Giornata mondiale del migrante e del rifugiato.
Il progetto rientra nell’ambito delle attività già messe in campo dalla Congregazione delle suore missionarie di San Carlo Borromeo (Scalabriniane), che sin dalla loro fondazione di fine Ottocento si occupano di assistenza ai migranti. Le sorelle, con il Servizio Itinerante, un gruppo di pronto intervento, intendono essere presenti nelle frontiere più ‘calde’ del mondo per fornire aiuto ai rifugiati o a chi, più in generale, si trova costretto a emigrare.
“E’ una sfida accompagnare, farsi compagne di viaggio con chi si trova in difficoltà – spiega suor Neusa de Fatima Mariano, superiora generale –.  Ci rendiamo conto della grande quantità di frontiere che sono luoghi di emergenza per i migranti. Abbiamo scelto di realizzare questo nuovo progetto per aiutare i migranti che, dopo la traversata dell’Africa e del Mediterraneo, chiedono di andare in Francia. I confini sono sempre muri: vanno abbattuti perché la speranza di un mondo migliore non si può tradurre in un documento, in un bollo, in un certificato. La volontà di costruire la città di Dio e dell'uomo, come dice papa Francesco, si alimenta con ponti di dialogo, e con la speranza in un futuro più bello e sereno, che è un diritto universale dell’uomo”.

GMMR: a Ragusa incontri e testimonianza del parroco di Aleppo

24 Settembre 2019 - Ragusa - Incontri con persone che vivono nei paesi di provenienza degli immigrati a Ragusa, in occasione della Giornata mondiale del migrante e rifugiato, che ricorre domenica 29 settembre. Il primo appuntamento, il 27 settembre, alle 18.45, nella parrocchia San Giuseppe Artigiano di Ragusa, su “Aleppo. Nelle Macerie la vita riparte”. A raccontarla sarà padre Ibrahim Alsabagh, parroco della parrocchia di san Francesco ad Aleppo, in collegamento dalla città siriana. L’iniziativa è organizzata dagli Uffici diocesani Migrantes, Caritas e Missionario, disponibili anche a incontrare le comunità parrocchiali, le scuole e chi sia interessato, per affrontare questa realtà in tutti i suoi aspetti. La colletta che sarà raccolta durante la Giornata mondiale del migrante e rifugiato servirà per il cofinanziamento di progetti pastorali e sociali specifici della Fondazione Migrantes per rafforzare l’accoglienza e l’integrazione nelle varie diocesi.